Influenza 2019: è uscito da qualche giorno il bollettino aggiornato di Influnet (Sistema di Sorveglianza Integrata dell’Influenza dell’Istituto Superiore di Sanità) e i dati emersi evidenziano come in meno di un mese, gli italiani colpiti dall’influenza siano già 341.000, soprattutto bimbi, di cui 119.000 solo la settimana passata.

Per fortuna questi numeri non sono ancora allarmanti e siamo lontani dal definirla un’epidemia, ma cosa possiamo fare per evitare che lo diventi?

Lo sapevate che in sole 4 ore, i virus si diffondono su oltre il 50% delle superfici e delle persone?
Ogni giorno passiamo almeno 8-9 ore in compagnia dei colleghi ed i nostri bambini passano almeno 5 ore a contatto con gli altri compagni di scuola e amici, aumentando notevolmente le possibilità di contagio.

In realtà bastano pochi accorgimenti per rallentare la corsa di questi virus verso il nostro organismo!

Niente eroismi, se siete malati state a casa!

Sembra scontato, ma se siete ammalati state a casa ed eviterete di portare i virus in giro per uffici, mezzi di trasporto e scuole!

Quando starnutite, tenete un fazzoletto davanti alla bocca!

L’aria espulsa con un colpo di tosse può trasportare fino a 3.000 particelle patogene, e viaggiare fino a 80 km/h.
Uno starnuto, invece, può espellere fino a 40.000 goccioline volatili di saliva o muco a una velocità che può arrivare a ben 320 km/h.
Basta un fazzoletto per impedire la diffusione di un virus attraverso uno starnuto o un colpo di tosse.

Lavarsi le mani

Purtroppo quasi il 40% delle persone malate non ha problemi a stringere la mano altrui e, anche a costo di apparire schizzinosi, il miglior consiglio è quello di lavarsi spesso le mani.
Vanno benissimo anche le salviette umidificate disinfettanti o quei prodotti sanificanti in gel.

Usare i fazzoletti una sola volta

I fazzoletti usa e getta, si usano e si gettano! Tenerli in tasca o nella manica del maglione aumenta vertiginosamente la possibilità di aumentare il contagio dei vostri cari.

Cambiare aria in ufficio

Aprite le finestre in pausa pranzo: non è l’aria fredda a provocare l’influenza, ma il ristagno dell’aria umida e del caldo che a volte c’è negli ambenti chiusi.

 


I falsi miti sull’influenza: facciamo chiarezza

Oltre ai piccoli accorgimenti appena citati, ci siamo accorti che esistono tanti luoghi comuni su comportamenti e prevenzione.
Per aiutarvi a fare chiarezza, abbiamo scovato per voi questa bellissima infografica sul sito di Federchimica!

infografica influenza

 

Scopri tutto quello che possiamo fare per aiutarti, cliccando qui