Quanto è importante mettersi a nudo in azienda? Tanto, e lo si può fare cominciando dai piedi. Quando si parla di pulito, “togliersi le scarpe” significa lasciar fuori lo sporco e preservare l’ambiente. Ma il pulito fuori segue il pulito dentro. Così bisogna lasciare andare lo sporco, che pesa e inquina.

Questo sporco è un fattore stressogeno che si aggiunge al peso e alle pressioni del contesto che viviamo ora. Lo scenario odierno è caratterizzato da un cambiamento post pandemico magistralmente sintetizzato nell’acronimo BANI, coniato dall’antropologo e futurista americano Jamais Cascio.

B – Brittle (fragile)

Nel mondo interconnesso, un tempo la fragilità era limitata a luoghi e gruppi specifici. Ora causano effetti a catena in tutto il mondo.
Questa fragilità incide sulla sicurezza delle imprese: rischiano il fallimento a causa degli sforzi per massimizzare l’efficenza, per strappare fino all’ultimo valore – denaro, energia, cibo, lavoro – da un sistema.
E le aziende costruite su fondamenta fragili possono crollare da un giorno all’altro: i posti di lavoro non garantiti e i cambi di carriera sono normali.

A – Anxious (ansioso)

La scelta che qualsiasi cosa facciano sia sbagliata.
È l’ansia caratteristica rappresentata dall’acronimo FOMO: la paura di essere esclusi da tutto ciò che sta accadendo.
In azienda, dobbiamo prendere decisioni rapidamente: ogni minuto ci lascia indietro.
L’ansia porta passività, temiamo di fare la scelta sbagliata e di peggiorare le cose, e ritardiamo decisioni e azioni.

N – Non-linear (non lineare)

È impossibile prevedere come l’emergere di un virus in una parte dell’Asia possa causare eventi tragici in tutto il mondo.
In un ambiente non lineare una piccola decisione può avere conseguenze devastanti.
Un grande sforzo potrebbe non portare grandi risultati, e la pianificazione strategica diventa incerta.

I – Incomprehensible (incomprensibile)

Cerchiamo una risposta a tutto e ci affidiamo ai dati che abbiamo. Il sovraccarico provoca, così, incomprensibilità.
I nostri concetti e le nostre idee cambiano continuamente. Tutto accede cosi velocemente che c’è sempre di più l’impressione che capiamo di meno.

 

Le prime due lettere dell’acronimo B (brittle=fragile) e A (anxious=ansioso) costituiscono dei fattori fortemente stressogeni, che hanno impatto nelle persone e nei contesti sociali ed organizzativi. Quindi bisogna investire sul benessere interno, singolo e di squadra, per poter agire nella sfera di influenza, ossia ciò su cui possiamo intervenire direttamente, piuttosto che nella sfera di coinvolgimento, dove non abbiamo leve se non la consapevolezza del periodo che viviamo (come guerre e pandemie).

“Togliersi le scarpe” significa quindi lasciar fuori tutto ciò che impedisce di entrare in connessione diretta con se stessi, corpo, pensieri, emozioni, per accedere alle proprie risorse e sfruttarne il potenziale verso il futuro.