Pannelli solari: vanno puliti? Sì o no?

 

Se siete fortunati proprietari di pannelli solari o fotovoltaici, ve lo sarete chiesto almeno una volta: ma, i miei pannelli, vanno puliti? Ogni quanto? E come li pulisco?

La risposta, ovviamente, è sì: i pannelli fotovoltaici vanno puliti e anche periodicamente. Potremmo pensare che l’azione della pioggia possa almeno dare una grossolana pulizia alla superficie riflettente dei nostri pannelli ma, in realtà, non è così, anzi! La pioggia forse può bastare per rimuovere polveri e detriti ma, quando il pannello è incrostato da residui di terra, polveri sottili, depositi di fogliame o macchie d’acqua non riassorbita del tutto, il vetro può essere perfino danneggiato permanentemente.

Gli impianti solari di oggi sono progettati per durare oltre 30 anni ma, la mancanza di pulizia dei pannelli solari, può portare ad una perdita di efficienza del 15-30% dell’intero impianto; accorciando di conseguenza la vita degli stessi e compromettendone l’efficienza.

pulizia pannelli solari Erremme

 

Ogni quanto vanno puliti i pannelli solari?

 

La risposta è: regolarmente. La pulizia del vostro impianto fotovoltaico dovrebbe essere un’azione di manutenzione ordinaria la quale dipende soprattutto dalla posizione dell’impianto stesso e dalle istruzioni che il produttore dà al momento dell’istallazione.

 

In linea generale un impianto fotovoltaico andrebbe pulito un paio di volte l’anno ma, diversi fattori influiscono sulla frequenza delle sedute di pulizia. Andiamo adesso a vedere quali sono:

 

  • Negli impianti fotovoltaici installati nelle zone di mare la pulizia dovrà essere infatti più frequente ed approfondita a causa della presenza di sabbia, molto spesso alzata dal vento, salsedine e detriti;
  • Quando gli impianti solari sono installati vicino ad alberi, dobbiamo preoccuparci invece di foglie, resina ed altre sostanze che possono depositarsi con facilità sui vetri oscurandoli o danneggiandoli;
  • Se invece ci troviamo di fronte ad impianti fotovoltaici installati in una zona industriale, la pulizia dovrà essere accurata a causa di possibile fuliggine o scorie che, dall’aria, possono andare a depositarsi sulle superfici;
  • Stessa cosa vale quando l’impianto si trova su di un tetto vicino ad una canna fumaria dalla quale possono uscire polveri, fuliggine e detriti di vario genere;
  • Su capannoni agricoli o nei campi si depositano facilmente sporco grossolano, residui di terra, piogge e guano;
  • Ultimo ma non ultimo, quando a minacciare i nostri pannelli sono terrazze, cornicioni e sporgenze interessate da volatili e dalle loro deiezioni;

 

Pulizia Pannelli solari Erremme

 

Come si fa quindi a pulire i pannelli in modo efficace?

 

Prima di tutto è meglio sfruttare le prime ore della mattina, in modo che la rugiada depositatasi sui pannelli durante la notte vada ad ammorbidire lo sporco presente.

In secondo luogo è bene utilizzare, per non danneggiare ulteriormente l’impianto, dispositivi professionali, che utilizzano la tecnologia dell’acqua pura.

Che cosa significa “acqua pura”? Essenzialmente per acqua pura intendiamo l’acqua demineralizzata e filtrata. In questo modo si ottiene una soluzione priva di possibili depositi che possano andare ad intaccare ulteriormente la superficie da trattare una volta asciugata. Come si crea l’acqua pura? Attraverso macchinari specifici!

L’acqua pura, cioè purificata dai sali minerali, calcio e altre sostanze che la arricchiscono in natura, riesce ad attirare a sé la sporcizia con cui viene a contatto.

Per questo motivo è un agente pulente efficace che, combinato all’azione meccanica di sfregamento, è in grado di pulire vetri, infissi, pannelli di rivestimento e pannelli solari. Essendo priva di minerali e sali, evaporando non lascia alcun residuo sulla superficie. Questo permette alla superficie di rimanere totalmente priva di aloni. Così l’utilizzo di detergenti chimici e l’attività di risciacquo diventano superflui.

Erremme ha la risposta.

Erremme negli anni ha selezionato accuratamente delle soluzioni innovative per agevolare il lavoro.  Questi strumenti sono ergonomici e pratici e consentano l’uso immediato, facile ed efficace.

Attraverso le soluzioni scelte da Erremme si può gestire la pulizia del pannello solare senza usare prodotti chimici, aumentando l’ecocompatibilità e riducendo gli sprechi. 

Individuando il sistema più adatto alla pulizia dei pannelli solari, avremo una diminuzione dei tempi di lavoro, eliminando l’asciugatura dopo il lavaggio.

Le aste telescopiche modulari consentono di lavorare in sicurezza fino a venti metri d’altezza, evitando scale pericolose o costosi noleggi di piattaforme. In questo modo il lavoro verrà svolto in totale autonomia e sicurezza.

 

In ultimo, ma non ultimo, consigliamo sempre di affidarsi a professionisti che tratteranno al meglio i vostri pannelli, ottenendo un risultato perfetto!

Come si può individuare la soluzione più adatta?

 

CLICCA QUI per chiedere un’analisi tecnica